Mamma, papà è vero che parlo così?: il linguaggio tra 1 e 2 anni

Cari mamma e papà, il vostro bambino ha compiuto un anno e finalmente il suo linguaggio incomincia a strutturarsi per diventare, via via, il più possibile simile al vostro.

Siamo entrati nel periodo lessicale, il bambino produce 10-15 parole che veicolano un vero e proprio significato, molto spesso è così potente che la singola parola possiede il valore della frase, definita tecnicamente olofrase.

Questa fase, del periodo lessicale, viene definita presintattica:  in questo momento il bambino comprende in media un centinaio di parole riuscendo però a produrne solamente una dozzina, ecco perché la parola assume il significato di una frase.

La forte motivazione del bambino nel voler comunicare, la capacità di spostare l’attenzione da voi ad un oggetto di suo interesse, fanno si che il vostro piccolo uomo (o piccola donna) veicoli con una sola parola un significato ben più grande.

Durante questo anno di vita il bambino continua ad aumentare  il numero di parole che capisce e il numero di parole che riesce a dire, rimanendo tuttavia enorme la differenza tra le parole comprese e quelle prodotte. Insieme al linguaggio si sviluppa l’utilizzo dei gesti che vengono usati per  formulare richieste, accompagnando e supportando il linguaggio del vostro bambino.

240_f_49598519_jeomvcawem7aju6vjimw0tohclxjeetoGrazie allo sviluppo di queste due forme di comunicazione, compare la frase combinatoria: il bambino utilizza insieme gesto e parola per comunicare un messaggio, ad esempio dice “mamma” e contemporaneamente indica un gioco. Oppure incomincia a combinare due parole insieme ad esempio “mamma pappa”.

Intorno ai 17 mesi potete assistere ad una vera e propria esplosione lessicale : il numero di parole comprese sono così tante che diventa quasi impossibile contarle mentre le parole prodotte aumentano esponenzialmente tanto che non è più necessario utilizzare i gesti.

A  questo punto, per il bambino è molto più veloce ed economico utilizzare solo le parole, costruendo una vera e propria frase. Quando si entra nella fase sintattica è possibile osservare un periodo denominato fase silente: cari mamma e papà, non spaventatevi se in questo momento il vostro cucciolo cessa di essere un grande chiacchierone, perché sta lavorando per organizzare ed utilizzare al meglio tutte le sue nuove abilità; non sempre si verifica ed anche la sua durata è variabile e come per il primo anno di vita le caratteristiche del linguaggio variano davvero tanto da bambino a bambino.
Cosa ne pensate? scrivetemi la vostra esperienza!! Sono curiosa di sapere com’è il vostro piccolo uomo o piccola donna!

Giulia Logopedista

Vieni a visitare la mia pagina facebook, clicca qui.